sabato 24 marzo 2012

perchè Dylan Thomas?

eoni fa vagavo per strade semi-dissolute alla ricerca di Dio sa cosa. sono pazzo. ma non quanto allora. e con me c'erano un sacco di amici. che mi evitavano la galera o forse anche peggio. ora, forse, tutto è morto. malgrado la personale rivoluzione della mia anima. Dylan Thomas mi diede coraggio molte volte su quelle strade abbandonate da Dio. e questa sua poesia di sangue rivoluzionario eterno riecheggi tra le vostre menti. ognuno ne tragga le dovute conseguenze.

Cerca la carne sulle ossa
"Cerca la carne sulle ossa fra non molto
Spolpate e bevi alle due munte rupi
Il dolce midollo e la feccia,
Prima che le mammelle delle dame
Siano vizze e le membra brandelli.
Non profanare, figlio, i sudari, ma quando
Vedrai le dame fredda pietra, appendi
Una rosa d’ariete sugli stracci.

"Ribèllati alle leggi della luna
E al parlamento del cielo,
Al governo del mare perverso,
A tirannia del giorno e della notte,
A dittatura di sole.
Ribèllati all’osso e alla carne,
A parola di sangue, ad astuzia di pelle,
E al verme che nessuno può ammazzare.

"La sete è spenta, la fame placata,
E lungo il cuore ho uno spacco;
La faccia è smunta allo specchio,
Le labbra smorte dai baci
Ed è smagrito il mio petto.
Una ragazza allegra mi prese per uomo,
La stesi giù e le narrai il peccato,
Le misi accanto una rosa d’ariete.

"Il verme che nessuno può ammazzare
E l’uomo che nessuna corda impicca
Si ribellano al sogno di mio padre
Che da un ostello di rossi porci
Ulula il sozzo demonio alle spalle.
Non posso come un pazzo assassinare
Stagione e sole, grazia e ragazza,
Né il mio dolce risveglio soffocare."

La nera notte amministri la luna,
Il cielo detti pure le sue leggi,
Il mare parli con voce regale:
Non nemici ma un unico compagno
Sono il buio e la luce.
"Guerra al ragno e allo scricciolo!
Guerra al destino umano!
E distruzione al sole!"
Prima che morte ti prenda, ah sconfessalo!

14 commenti:

  1. E' (stato) un grande autore, non si può non dirlo. Mi piacerebbe leggere qualcosa di lui più a fondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prova con "Eighteen poems", 1934...anche se il suo capolavoro resta "Morti e ingressi".

      Elimina
  2. Già, sapevo di 'Morti e ingressi', più che altro il titolo originario in inglese.

    RispondiElimina
  3. ...e auguri in anticipo di buona Pasqua.

    RispondiElimina
  4. Wow uno Stone poefilo anzichè cinefilo!
    Gran bel pezzo veramente...

    Ti porto i miei saluti, martedì prendo il volo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. reuccia io sono a roma. mia sorella si e innamorata del tuo manifesto e andra al festival della zuppa. io ti auguro un buon viaggio. mi raccomando, divertiti. un bacione. stone.
      ps scusa per gli accenti assenti!

      Elimina
  5. L'AVETE VISTO????? Aaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhh!!!!!!!!!!!!
    *_____________________________*
    ti perdono tutti gli accenti che vuoi, adesso sono troppo elettrizzata @___________@

    RispondiElimina
  6. Ora pensiamo all'estate che avanza?

    RispondiElimina
  7. Oddio, vista la pioggia di oggi, non avanza ma si addormenta st'estate...

    RispondiElimina
  8. FulviaLeopardi2 maggio 2012 03:30

    [OT] è calendimaggio, se è venuta il 30 di aprile c’erano le cene propiziatorie, non è sempre così XD solo quel semel in anno licet insanire da noi non avviene a carnevale per un po’ più tardi

    RispondiElimina